sabato 29 aprile 2017

CHIEDE 10.000 euro, MA DEVE RESTITUIRNE più di 16


Quando si parla di prestiti, i sospetti e i timori sono sempre numerosi e i motivi di tanto e marcato disagio sono presto detti. Anzitutto, la disponibilità delle banche e degli intermediari finanziari si può ormai definire elitaria, è rivolta a quei pochi che abbiano un discreto reddito e altrettanto interessanti garanzie; la qual cosa ci riporta a un film di Roberto Benigni del 1983, Tu mi turbi, in cui il protagonista, in sintesi, chiedeva a un direttore di banca perché fosse necessario avere denaro per ottenere denaro in prestito: una contraddizione cocente, ma che rispecchia le reali condizioni del credito. In secondo luogo, in un’epoca in cui il costo del denaro è ridotto ai minimi termini, è assurdo, oltre che frustrante per famiglie e imprese, che per accedere a un finanziamento sia necessario spendere parecchio in termini d’interessi e oneri aggiuntivi. Il primo problema sta tutto nello spread.

È universalmente noto che le banche acquistano il denaro per rivenderlo ed è naturale che su questo passaggio costruiscano il proprio profitto. Ciò che, tuttavia, continua a suscitare dubbi significativi è la regolarità con cui gl’interessi sono applicati, giacché, nella maggior parte dei casi, nonostante la Legge 24 del 29 febbraio 2001, che ha modificato l’art. 644 del codice penale e l’art. 1815 del codice civile, le nostre fonti giurisprudenziali in materia di usura, i contratti di finanziamento presentano ancora parecchia 'devianza'. Di là dall’interpretazione delle norme, è stabilito che, qualora, in un contratto di ‘finanziamento’, si riscontrino interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi. Di conseguenza, la vittima ha diritto alla restituzione di quanto ha versato a titolo d’interessi usurari, al pagamento della sola sorte capitale ed eventualmente al risarcimento dei danni patrimoniali. A questo punto, emerge nettamente la controversia. Si sente dire di tutto sull’argomento a causa della presenza di un nutrito gruppo di ciarlatani e approfittatori, laddove sarebbe sufficiente attenersi a dei parametri scientifici, che la stessa Banca d’Italia fornisce periodicamente.

Prendere le mosse da un esempio concreto è di certo molto più utile che dare definizioni, pertanto analizzeremo adesso un caso tra i tanti e, solo dopo, proveremo a definire il quadro di operatività e le opportunità di esercizio dei nostri diritti in qualità di consumatori ‘offesi’. Dal prospetto informativo di un prestito personale, leggiamo che il contratto in questione è stato stipulato nel mese di luglio del 2013. Di conseguenza, andiamo a consultare il Tasso Effettivo Globale Medio pubblicato dalla Banca d’Italia nel periodo di applicazione corrispondente e leggiamo che, per la categoria di pertinenza, il tasso medio è il 10,47%, mentre il tasso soglia è il 17,0875%. Adesso, occorre tornare sul nostro contratto e fare qualche calcolo. Leggiamo che il TAEG calcolato escludendo oneri e coperture assicurative è pari al 16,36%. Un po’ più in basso, leggiamo, invece, che il TAEG calcolato includendo oneri e coperture assicurative è pari al 23,21%. Assumendo come dato imprescindibile che imposte e tasse non sono rilevanti agli effetti del calcolo del tasso soglia, ci rendiamo conto che, a fronte di una somma di € 10.000,00 richiesta, il consumatore deve risarcire all’intermediario finanziario € 16.241,00, com’è scritto nell’apposita sezione ‘importo totale dovuto dal consumatore’.

Straniti e preoccupati, ci adoperiamo per analizzare un importo, € 6.241,00, che, a prima vista, sembra superare di più del 50% il capitale richiesto in prestito. Com’è possibile? Come si calcola la soglia anti-usura? Si rileva il tasso medio fornito dalla Banca d’Italia aumentandolo di un quarto e si aggiungono ulteriori quattro punti percentuali. Nel caso che ci riguarda direttamente, le percentuali sono ingannevoli perché quel 16,36% che viene ‘pubblicizzato’ determina un’indicazione impropria. Ribadiamo, infatti, che, fatta eccezione per imposte, tasse e spese notarili, tutti gli altri oneri e le coperture assicurative concorrono a determinare l’intero costo reale del finanziamento, pertanto in questo contratto si riscontrano gli elementi per il cosiddetto ‘risarcimento’. Se consideriamo che il tasso soglia è fissato nel 17,085% e che la differenza tra il tasso medio e il tasso soglia deve essere inferiore a 8 punti percentuali, non ci vuole chissà quale competenza per giungere alle conclusioni.

In conclusione, è appena il caso di precisare che l’analisi qui presentata è chiaramente superficiale e incompleta, rispondendo a un’esigenza di adattamento editoriale, per così dire. Ogni, valutazione dev’essere inscritta in uno studio accurato e personalizzato. Per qualsiasi informazione e richiesta di consulenza, utilizza i contatti di seguito riportati!

dr. Francesco Mercadante
AnalistaFinancial Advisor presso Prestito Sì Finance SpA - Iscrizione O.A.M. n.M54

PRESTITI PERSONALI -  CESSIONI DEL QUINTO - FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE / START UP - MUTUI - CONSOLIDAMENTO DEL DEBITO - LEASING - FACTORING - INTERNAZIONALIZZAZIONE - CONSULENZA FINANZIARIA - GESTIONE PATRIMONIALE

+39 393 92.40.101
analisiecredito@gmail.com 
f.mercadante@pec.it
mercadantefrancesco14@gmail.com 
Skype: mercadante.f 

1 commento:

  1. .

    OFFERTA DI PRESTITO VELOCE E AIUTO FINANZIARIO PER LE PERSONE IN NECESSITÀ DI SOLDI.

    HAI BISOGNO DI UN PRESTITO ? CONTATTACI: prestitovlcal@gmail.com

    Offerta di Prestito disponibili per chi hanno bisogno di soldi urgentemente per finanziamento di progetti, o bisogno di prestito personale. Un prestito facile, semplice e veloce, per informazioni recapiti via mail a questo indirizzo:

    prestitovlcal@gmail.com

    Distinti saluti
    Francesca Bonanno













































    .

    OFFERTA DI PRESTITO VELOCE E AIUTO FINANZIARIO PER LE PERSONE IN NECESSITÀ DI SOLDI.

    HAI BISOGNO DI UN PRESTITO ? CONTATTACI: prestitovlcal@gmail.com

    Offerta di Prestito disponibili per chi hanno bisogno di soldi urgentemente per finanziamento di progetti, o bisogno di prestito personale. Un prestito facile, semplice e veloce, per informazioni recapiti via mail a questo indirizzo:

    prestitovlcal@gmail.com

    Distinti saluti
    Francesca Bonanno













































    .

    OFFERTA DI PRESTITO VELOCE E AIUTO FINANZIARIO PER LE PERSONE IN NECESSITÀ DI SOLDI.

    HAI BISOGNO DI UN PRESTITO ? CONTATTACI: prestitovlcal@gmail.com

    Offerta di Prestito disponibili per chi hanno bisogno di soldi urgentemente per finanziamento di progetti, o bisogno di prestito personale. Un prestito facile, semplice e veloce, per informazioni recapiti via mail a questo indirizzo:

    prestitovlcal@gmail.com

    Distinti saluti
    Francesca Bonanno

    RispondiElimina