lunedì 18 luglio 2016

RISERVA FRAZIONARIA

#legami

(la rubrica del lun, merc e ven di #AnalysisAndForecasting)

Le banche possono prestare il denaro che non possiedono; nessuna di esse ha il 100% di capitale a garanzia dei prestiti.

In pratica, se l’arcinoto signor Rossi deposita sul proprio conto € 1.000,00, la banca, che non tollera spreco e immobilismo, ne trattiene una minima parte e ne presta il resto: € 100,00 in cassa e € 900,00 ad altri correntisti 'bisognosi'.

È sufficiente moltiplicare il caso del signor Rossi per n per ottenere un circuito infernale di moneta: il meccanismo in questione prende il nome di RISERVA FRAZIONARIA.

Su base statistica, i banchieri sanno bene che molto di rado i correntisti correranno tutti insieme allo sportello a ritirare il proprio denaro. Se ciò accadesse, infatti, troverebbero la sorpresina, vale a dire che non troverebbero il denaro, che la banca ha prestato ad altri, non essendo obbligata a conservarlo.





Nessun commento:

Posta un commento